“Fuori controllo”, il singolo di Francesco Tartarini, una coproduzione La Spezia Short Movie

LA SPEZIA – E’ on line il videoclip del singolo “Fuori controllo” del cantautore e musicista spezzino Francesco Tartarini, con l’amico di una vita Paolo Meneghini, coautore e coproduttore.

Il brano anticipa l’uscita del primo EP Panacea. La regia del videoclip è a cura dei registi Mario Molinari, giurato di La Spezia Short Movie, e Daniele Ceccarini, presidente del premio.

“Fuori controllo” è stato presentato in anteprima nazionale sabato 8 aprile in occasione del Lunigiana Film Fest, dove ha ricevuto una menzione speciale.

Per vedere il videoclip clicca qui.

fra videoclip

La Spezia Short Movie, oltre il festival

Dopo il successo della seconda edizione del Festival, con aprile inizia una serie di appuntamenti mensili targati “La Spezia Short Movie, oltre il Festival”.

Si parte sabato 1 aprile con la presentazione del libro Enzo Ungari, il mangiatore di film di Daniele Ceccarini (Cut-up Edizioni), con prefazione di Adriano Aprà.

Il libro fa rivivere i tempi del cinema mito e ripropone allo spettatore di oggi la bellezza purificante di un rito esoterico, che ha modificato i canoni tradizionali della comunicazione artistica. Cerca di svelare il segreto e il piacere di un “mangiatore di film”, che gode il cinema, ha maturato la passione del cinéphile, fino a raggiungere “uno stadio estremo di intossicazione irreversibile”. Lo scopo di questo lavoro è ricostruire il percorso critico di Enzo Ungari attraverso i suoi scritti, le memorie, le riflessioni e le testimonianze di chi gli è stato vicino. Ungari collaborò con diversi importanti registi, tra cui Dario Argento e Gianni Amico. Con Bernardo Bertolucci scrisse la sceneggiatura del film “L’ultimo imperatore”, vincitore di ben nove premi Oscar.

L’appuntamento è per sabato 1 aprile alle ore 18.30 presso il risto-caffè letterario Equilibrio (Via Napoli 17, La Spezia). Presentazione e apericena con l’autore.

Daniele Ceccarini, regista, è anche presidente del Premio La Spezia Short Movie. Laureato in Scienze Politiche, diplomato in regia cinematografica all’Accademia Nazionale del Cinema, ha studiato fotografia all’Accademia Kaverdash di Milano.

Le Gocce di Stefania Martinico

I premi di La Spezia Short Movie sono stati realizzati dall’artista Stefania Martinico. Si tratta di raffinate gocce in legno massello di olmo frassino, modellate da Paolo Scoccia e decorate in foglia oro da Stefania.

Come è nata l’idea di una goccia? Lo racconta Stefania: “L’ispirazione mi è venuta dalle parole di Paolo Logli, durante la presentazione del corto Oltre lo specchio, quando ha parlato dell’operato dello staff di LaSpeziaOggi come di un’energia concentrica, che come una goccia cade e dove cade si propaga e si ingrandisce. Da quelle parole l’idea di rendere in qualche modo “visibile” questa energia. Così chiesi gentilmente aiuto ad un mio amico, Paolo Scoccia, che da grande esperto del legno e dell’arte mi consigliò l’utilizzo del legno massello di olmo frassino e che ha modellato le gocce. Io ho poi trattato il legno, steso la missione per la foglia oro e decorato il logo del concorso, una dolcissima barchetta a vela che dal Porto di Spezia probabilmente viaggierà e vedrà la bellezza del mondo. Il tutto protetto da gemma lacca e cera d’api”.

“Essere l’artista che per il secondo anno consecutivo realizza i premi per questo concorso mi inorgoglisce e mi fa sentire sempre di più amata da una città che da ormai tre anni mi ha adottata e voluta bene” – prosegue Stefania – “L’augurio è realmente quello che queste “barchette” partite dal porto spezzino insieme alla loro goccia e alla loro energia concentrica possano illuminare e impreziosire il cammino di questi artisti che hanno dato vita e anima al concorso”.

Stefania Martinico è  Maestro d’arte in decorazione Pittorica, Diplomata in Arte Applicata, Decoratrice specializzata in Arti Visive e Discipline dello spettacolo con il massimo dei voti, opera sul territorio spezzino attraverso dei percorsi  creativi emozionali, collabora con diversi pschiatri e psicologi e da due anni è la coordinatrice del corso di pittura e creatività del centro psicosociale, è una volontaria del gruppo “NN solo Bikers” e organizza e struttura in diverse sedi ed associazioni corsi creativi tra genitori e figli.

Una goccia d’acqua sale i gradini della scala. La senti? Disteso in letto nel buio, ascolto il suo arcano cammino. Come fa? Saltella? Tic, tic, si ode ad intermittenza. Poi la goccia si ferma e magari per tutta la rimanente notte non si fa piu’ viva. Tuttavia sale

Dino Buzzati

I Vincitori del LaSpeziaShortMovie 2017

I premiati 

Miglior corto in assoluto: Elia Moutamid per il corto Gaiwan 

Migliori regia: Alessandro Haber per il corto Monica 

Miglior attore: Francesco Pannofino per il corto Djinn Tonic 

Miglior attrice: Lucia Batassa per il corto Rosa 

Miglior colonna sonora: Gionatan con la G di Gianluca Santoni 

Miglior sceneggiatura: Adam Selo per il corto Centro Barca Okkupato

Miglior videoclip: Un posto dove vivere di Giovanni Martinelli 

Miglior cartoon: Orbit di Francesca Orbit 

ph Francesco Tassara-3043.jpg

Miglior cartone animato: “Orbit” di Francesca Pich.

ph Francesco Tassara-3044.jpg

Miglior videoclip: “Un posto dove vivere” di Giovanni Martinelli.
Corto che racconta la bellezza e la poesia dell’Appennino parmense, con musiche di Luisa Pecchi che le ha interpretate al pianoforte. 

ph Francesco Tassara-3055.jpg

Miglior colonna sonora: “Gionatan con la g” di Gianluca Santoni.
Corto che racconta una storia di violenza familiare, con sceneggiatura di Michela Straniero: sia lei che il regista sono appena usciti dal Centro Sperimentale di Cinema e questo è il loro lavoro di fine corso.

ph Francesco Tassara-3068.jpg

Miglior sceneggiatura: “Centro Barca Okkupato” di Adam Selo.Tra i lavori di maggior durata, racconta di un gruppo di anziani che occupano un centro ricreativo. Tra gli interpreti, Pippo Santonastaso. 

ph Francesco Tassara-3060.jpg

Miglior attrice: Lucia Batassa per “Rosa” di Alessio di Cosimo.L’attrice romana ha interpretato il ruolo di un’anziana che, in una casa di riposo, riscopre la gioia grazie a un altro ricoverato, Franco (Renato Scarpa).

imgres.jpg

Miglior attore: Francesco Pannofino per “Djinn Tonic” di Domenico Guidetti.
Pannofino, moderno “genio della lampada”, esaudisce i desideri delle persone, lamentandosi perché tutti vogliono cose “banali” come il lavoro e non esiste più l’immaginazione. 

ph Francesco Tassara-3077.jpg

Miglior regia: Alessandro Haber per “Monica“. 

L’attore, qui in eccezionale veste di regista, ha dichiarato di averlo dedicato all’attrice Monica Scattini, sua grande amica, che è scomparsa due anni fa. Il film racconta come gli ultimi istanti di vita di una donna si trasformino, grazie all’immaginazione, in qualcosa di meno spaventoso.

ph Francesco Tassara-3094.jpg

Miglior corto in assoluto: “Gaiwan” di Elia Moutamid.

Due uomini, un occidentale e un orientale, si incontrano al cimitero; ognuno ha un modo diverso di ricordare i propri cari scomparsi, ma l’occidentale ha un pregiudizio…

ph Francesco Tassara-3111.jpg

Menzione speciale a Luis Dobre, piccolo interprete di “Gionatan con la g”.
Il piccolo Luis, 11 anni, è alla sua prima esperienza come attore. Scoperto da Gianluca Santoni mentre, sulla spiaggia, litigava con suo fratello, non sa ancora cosa vuol fare da grande. La sua prima interpretazione promette bene. 

ph Francesco Tassara-2985.jpgEra stato indetto anche un concorso per il “Miglior soggetto”, che è stato vinto da Noris Calì. Il suo lavoro, tratto dal libro scritto qualche anno fa dalla stessa Calì, “Mio figlio non è di un altro pianeta”, è autobiografico e racconta la battaglia di una famiglia nell’affrontare l’autismo del figlio. “Mio figlio” racconta Noris “fino agli 8 anni non parlava, poi lo abbiamo sottoposto a una terapia sperimentale e nel giro di pochi mesi è migliorato tantissimo. Oggi ha 17 anni, quasi 18, frequenta il 4° anno della scuola superiore (ramo informatico) ed è completamente autonomo. Il mio è un messaggio di speranza e coraggio, prima di tutto. Ma vuole essere anche un monito ai genitori: non trascurate i primi sintomi, se c’è qualcosa che non va in vostro figlio portatelo immediatamente dal dottore, fategli provare varie terapie”.

DSC_1571.jpg

Dal soggetto di Noris Calì una produzione di La Spezia Short Movie

Tra i soggetti e le sceneggiature arrivate, gli organizzatori del La Spezia Short Movie comunicano che hanno scelto di produrre nel 2017 un docu-film tratto dal soggetto di Noris Calì, già autrice del libro Mio figlio non è di un altro pianeta, la testimonianza di una madre in lotta per salvare il figlio dallo spettro dell’autismo.

Le riprese inizieranno a fine febbraio tra La Spezia e la Puglia.

Tutti finalisti! La premiazione sabato 4 marzo

Si svolgerà sabato 4 marzo dalle ore 16.45, presso il Cinema Il Nuovo di La Spezia (Via Colombo), la premiazione del La Spezia Short Movie 2017. I corti selezionati sono, in ordine alfabetico, i seguenti:

Centro Barca Okkupato, regia di Adam Selo (2016 – 16′)

Dama Bianca, regia di Simone Caridi (2016 – 3′ 20”)

Djinn Tonic, regia di Domenico Guidetti (2016 – 14′ 20”)

Gaiwan, regia di Elia Moutamid (2015 – 4′)

Gionatan con la G, regia di Gianluca Santoni (2016 – 15′)

Home, regia di Andrea Moneta (2016 – 7′ 50”)

Monica, regia di Alessandro Haber (2016 – 7′)

Orbit, regia di Francesca Pich (2015 – 3′ 48”)

Rosa, regia di Alessio Di Cosimo (2015 – 14′)

Un posto dove vivere, regia di Giovanni Martinelli (2015 – 4′)

 

I corti selezionati concorreranno per i seguenti premi:

miglior attore protagonista, miglior attrice protagonista, miglior regia, miglior sceneggiatura, miglior colonna sonora, miglior cartoon, miglior videoclip, miglior corto in assoluto. Potranno essere assegnate eventuali menzioni speciali.

 

 

 

Algien di Roberto Valdes disponibile su youtube

Dopo aver chiuso il suo percorso ai festival trionfando in ogni singolo continente, il cortometraggio “Algien” di D Roberto Valdes, vincitore dei premi al miglior film e alla migliore sceneggiatura alla scorsa edizione del La Spezia Short Movie, è ora disponibile su YouTube. Vedetelo perché è un piccolo capolavoro.

 

In concorso: cortometraggi, cartoon, videoclip

CORTOMETRAGGI ITALIANI

Abruzzo

Amen di Fabio D’Onofrio e Cristina Di Lorito

Luce di Marco Napoli

Onyricon di Andrea Gatopoulos

Basilicata

Vero di Nicola D’Antona

Calabria

Al giorno d’oggi il lavoro te lo devi inventare di Mario Vitale

Ekodramm di Alessandro Politaki

I carbonari di Saverio Caracciolo

Nera la notte di Saverio Caracciolo

Recherche di Andrea Belcastro

Rosa di Vincenzo Caricari

Una donna col cervello di Mauro Nigro

Campania

Bianca di Alessandro Di Ronza

Drop di Alessio Perisano

Fuori di vista di Francesco Cerrone

Goccia di Serena Di Marco

Il peso sull’anima di Mena Solipano

La panda di Angelo Sateriale

Libeccio di Gianni Nardone

Maria di Francesco afro De Falco

Mezza sala di Barbato De Stefano

Natività di Gianfranco Antacido

Parusia napoletana di Rosa Maietta

Rincorrersi di Artemisio Desiderio

Salifornia di Andrea Beluto

Supermenn di Rosario Bizzarro

Un giorno nella vita di Marco Chiappetta

Emilia Romagna

Bellissima di Alessandro Capitani

Centro Barca Okkupato di Adam Selo

Contando le formiche di Giuliano Cremasco

Djiin Tonic di Domenico Guidetti

Hybristes di Marcello Quartieri

Il nostro piccolo segreto di Franco Montanaro

Like di Giulio Manicardi

Millelire di Angelo Calculli e Vito Cea

Monica di Alessandro Haber

Osalobua Noma di Paolo Placci

Waiting for Harry di Antonio Benedetto

Friuli Venezia Giulia

Io e me stesso di Diego Cenetiempo

Quella panchina di Federico Manna

Lazio

Behind my eyes. Capitolo I. The cup di Riccardo Eggahell

Cenere di Margherita Cataldi

Confidenze di Mattia Riccio

Dammi la mano e sorridi di Roberto Carvelli

Dolce rutina di Giada Ceotto

Domani smetto di Monica Dugo e Marcello Di Noto

Fatti osceni in luogo pubblico di Stefano Viali

Giorni di precaria follia di Daniele Esposito

Il braccio di Guido Argenti

Il buon Paese di Vincenzo Nervo

Il potere dell’oro rosso di Davide Minnella

Il sapore del sale di Nour Gharbi

Inbound di Angelica Gallo

Into di Vincenzo Palazzo

L’apparato vivente di Gianmarco Di Traglia

La Gamba di Salvatore Allocca

La ruota di Daniele Esposito

Latif, poeta combattente di Massimiliano Zanin

Marenostrum di Maryah Rahimi

Memorie di un viaggiatore di Antonio Romagnoli

Mokusatsu di Nour Gharbi

Ninfeo di Tommaso Ricci

Notre-Dame-Des-Vents di Bruno Unbekannt

Play sex di Attilio Facchini

Quando a Roma nevica di Andrea Baroni

Qui non ci sono alberi di Elena Baroglio

Radice di 9 di Daniele Barbiero

Radio Kaos di Linda Fratini

Rosa di Alessio Di Cosimo

Rosa blu di Alessandra Sasha

Senza occhi, mani e bocca di Paolo Budassi

Spira(g)li di Marcello Di Trocchio

Liguria

A cup of tea di Alessio Ciancianaini

Il pescatore di Adel Oberto

La semplicità delle cose buone di Sergio Schenone

Le recluse di Gino Versetti

The scout di Martin Basile

Uno di noi di Gino Versetti

Lombardia

Dogma 95 & 1/2 di Gabriele Parodi

Tutti uguali di Stefano Fares e Tommaso Piardi

Ferruccio, storia di un robottino di Stefano De Felici

Gaiwan di Elia Moutamid

L’acqua è (in)finita di Vittorio Raucci

L’uomo pipistrello di Vittorio Raucci

Immenso di Stefano Aderenti

M603 di Cristian Benaglio

Mia per sempre di Daniele Pozzati

Quale memoria di Eugenio Di Fraia e Gianni Lacerenza

The weight of forgiveness di Eugenio Di Fraia e Andrea Iannini

Veritas et justitia di Ivan Morandi

Vis a vis di Carlo Salpietro

Marche

Gionatan con la G di Gianluca Santoni

Il battito che sento di Luca Fattori Giombi

Il telescopio di Giovanni Grandoni

Invisibili di Laura Ferraccioni

Piemonte

Attraverso lo specchio di Antonio Diaz

Along the river di Daniele Nicolosi

Ciao amore di Joe Inchincoli

Dark Lucy di Concetta Pistorio

Ennuit di Amedeo Berta

Il prequel della trilogia di Ruben De March

La vita di un giorno di Brunella Audello e Vittorio Dabbene

Non ascoltare il cuore di Andrea Di Bartolo

Puglia

Blister di Achille Cofano e Giuseppe Rosato

Candie Boy di Arianna Del Grosso

Fanculo Libertà di Maurizio Mazzotta e Dario Patrocinio

How to save your darling di Leopoldo Caggiano

Io odio Shakespeare di Anna Mila Stella

Penalty di Aldo Iuliano

Quando le torri cantano di Anna Mila Stella

Quel venerdì famoso di Massimiliano Tedeschi

Seaduction: the Tale of the Tail di Domenico De Ceglia e Serena Porta

Stella di Massimiliano D’Epico

Sardegna

Il buio di Giuliano Oppes

Il suono della vita di Massimo Selis

Sicilia

Aiutati che Dio ti aiuta di Andrea Lombardo

Il processo di Andrea Lombardo

L’altra riva di Giuseppe Favaloro

L’attesa di Roberto Mannelli

La cura del padre della misericordia di Alain Calò

La libellula e il vento di Vincenzo Lupo

Nemesi di Sergio Fiorito e Valeria Martorelli

Riflesso di Andrea Lombardo

Toscana

Asphyxia di Alessandra Angeli

Dolce famiglia di Niccolò Vanni

Fiori di carta di Giampaolo Poi

Il lato cieco di David Manzi

Il punto di Lorenzo Petrognani

Inevitabile di Daniele Ricci

L’alluvione ha sommerso… di Luca Dal Canto

L’ingegnere di Stefano Pelleriti

L’invito di Alessandro Tassi

La riunione di Lorenzo Petrognani

Lucia di Francesco Fontana

Ottobre bilancia di Lauro Crociani

Per sentito dire di Elisabetta Dini e Ines Cattabriga

Ti amo ti amo ti amo… di Luciano Ibi

Washing line di Claudio Cirri

XII844 di Diego Bonuccelli

Una bellissima bugia di Lorenzo Santoni

Umbria

Season Finale di Lorenzo Peccini

Veneto

Click! di Andrea Filippini

Gretchen di Andrea Filippini e Ilaria Lovo

Le tre conchiglie di Davide Pavanello

Little trouble in big eatery di Nicola Pegg

Metamorphosis di Francesco Boschiero e Sebastiano Boschiero

Pensieri d’amore di Riccardo Giacomini e Matteo Montaperto

Rumori dentro di Ombretta Garavaglia

Tra le dita di Cristina Ki Casini

CORTOMETRAGGI DAL MONDO

ARGENTINA

A buon intenditor poche parole di Wayner Tristao

Nosztalgia di Vanessa Malheiros e Wayner Tristao

Previsioni di Vanessa Malheiros e Wayner Tristao

EGITTO

Rabie chetwy di Mohamed Kamel

ESTONIA

Elements of Rehearsal in the Bleak Midwinter di Davide Abbatescianni

FRANCIA

Dénominateur Commun di Quentin Lecocq

SPAGNA

El espejo humano di Marc Nadal

La condena di Marc Nadal

Piel Suave, ojos violentos di Marc Nadal

CARTOON 

Liguria

Orbit di Francesca Pich

Toscana

Home di Andrea Moneta

Lombardia

Minzy di Matteo Gubellini

Umbria

Hooks di Pietro Elisei

VIDEOCLIP

Calabria

Cassidy – Barney is dead di Mauro Nigro

Yosonu – Slow fool di Mauro Nigro

Sabatum Quartet – Danza popolare di Mauro Nigro

Campania

After Universe di Mita Sichetti

Emilia Romagna

A Parma io sono tuo città di Giovanni Martinelli

Into the cave di Gioia Maria Morisco

L’appennino parmense – un posto dove vivere di Giovanni Martinelli

Solitudes di Gioia Maria Morisco

Lazio

Il castello di carte di Roberto Scippa

Un viaggio da ricordare di Gianluca Gasbarroni

Liguria

Dama bianca di Simone Caridi

Dedalo di Adel Oberto

Marche

Rosa Bianca di Giovanni Grandoni

Piemonte

Awake di Cesare Ambrogi

DaDaUmpa di Gianfranco Veglio

Need the green di Ruben De March

Puglia

Indescrivibile di Vito Marinelli

Sicilia

Amarsi a metà di Luca Rodolico

Toscana

Suzanne Silver di Simone Grazzi

Veneto

Occhi senza tempo di Eleonora Ievolella

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑